Seleziona una pagina

Weekend a Roma: cosa vedere in tre giorni

Improponibile come meta mordi e fuggi, la città eterna ti entra nel cuore al primo sguardo e ti invita inesorabilmente a tornare; per un primo assaggio dei tesori più famosi, vi proponiamo un itinerario per un weekend a Roma, da fare anche a piedi, partendo dalla nostra guest house My Suite Piazza di Spagna.

Per ogni itinerario, i metri indicati tra parentesi rappresentano la distanza dalla nostra guest house.

itinerario weekend Roma

Primo giorno – Trionfo barocco

Il nostro primo itinerario vi invita a scoprire alcune delle fontane e piazze più famose di Roma, in un trionfo di architettura e di maestosità barocca. Dominata dalla scenografica scalinata di Trinità dei Monti, piazza di Spagna con la fontana della Barcaccia è una delle icone più fotografate della città eterna. Da qui se si segue via del Babuino, meta di un itinerario dedicato allo shopping, si raggiunge piazza del Popolo (650 m) con al centro l’obelisco dedicato a Ramses II e a guardia le due chiese quasi identiche di Santa Maria dei Miracoli e Santa Maria in Montesanto. La più visitata resta però la chiesa di Santa Maria del Popolo, che conserva due straordinari dipinti di Caravaggio. Per godere della vista migliore sulla piazza, vi consigliamo di salire ai giardini del Pincio.
Imboccando via del Corso potete raggiungere la leggendaria fontana di Trevi (800 m) e lanciare la moneta con la mano destra, di spalle, così da tornare a Roma, come vuole la tradizione.
Da qui si può risalire verso via del Tritone e raggiungere piazza Barberini (700 m) con la singolare fontana del Tritone e lo splendido edificio barocco che ospita la Galleria Nazionale d’Arte Antica; oppure potete proseguire verso il Pantheon (1,3 km), uno dei capolavori dell’architettura romana, la cui cupola, più grande di quella della Basilica di San Pietro, presenta al centro un oculo da cui entra luce naturale. Tutt’intorno è un brulicare di tavolini all’aperto, artisti di strada e venditori.
Proseguite poi per un altro must, piazza Navona (1,3 km), grande quanto l’antico stadio di Domiziano, esempio dell’estro creativo di artisti come Bernini e Borromini e impreziosita dalle tre fontane dei Quattro fiumi, del Moro e del Nettuno.
Da qui l’itinerario si conclude nella piazza di Campo dei Fiori (2 km), allegra e vivace di giorno e di sera grazie al suo mercato – attivo dal 1869 tutte le mattine, dal lunedì al sabato – e ai tanti locali all’aperto.

Secondo giorno – La Roma imperiale

Il secondo itinerario vi accompagna tra le vestigia di un passato millenario, partendo dal simbolo per eccellenza della città eterna, il Colosseo (2,1 km), la cui costruzione ebbe inizio nel 72 a.C. con Vespasiano. Con i suoi 188 metri di lunghezza, 156 metri di larghezza e 57 metri d’altezza è il più grande anfiteatro al mondo. Se volete evitare lunghe code, meglio arrivare la mattina presto. Risalite poi lungo via dei Fori imperiali e visitate il magnifico complesso del Foro Romano (2,9 km) dove ammirare i resti dei luoghi deputati alla vita pubblica e religiosa nelll’antica Roma, dall’Arco di Tito al Tempio di Antonino e Faustina.
Da qui guadagnare piazza Venezia (1,4 km) è un attimo; resterete affascinati dal maestoso Vittoriano e potrete poi salire all’elegante piazza del Campidoglio, progettata da Michelangelo, per uno scorcio panoramico, magari verso l’imbrunire, sull’area archeologica dei fori imperiali.
Se non siete stanchi e avete voglia di allungare ancora un po’ il passo, proseguite verso il Teatro di Marcello (2,2 km), d’epoca romana e ancora ben conservato, per poi risalire verso Largo di Torre Argentina (1,8 km) con l’area sacra e resti romani tra i più antichi di Roma.

Terzo giorno – La Roma dei Papi

La nostra terza proposta è tutta dedicata ai tesori della Roma papale, al di là del Tevere, partendo dai Musei Vaticani (2,8 km, in alternativa potete prendere la metropolitana da Piazza di Spagna a Ottaviano) – impossibile non trovare coda, armatevi di pazienza –, una delle collezioni d’arte più grande al mondo, nata dai tesori privati di Papa Giulio II. Al suo interno vi potete perdere tra le sale e le esposizioni, dalla galleria delle carte geografiche alla galleria degli Arazzi, dalle celebri Stanze di Raffaello alla magnificenza della Cappella Sistina e della sua volta, affrescata da Michelangelo fra il 1508 e il 1512.
Esaurita la visita ai Musei, si guadagna piazza San Pietro (2,6 km), costruita per volere di Papa Alessandro VII fra il 1656 e il 1667, su progetto del Bernini. Con le sue 284 colonne e i suoi 88 pilatri che circondano la piazza grazie a un portico su due file, lo spazio appare impressionante; il colpo d’occhio migliore è assicurato arrivando da via della Conciliazione.
Sulla piazza si apre la maestosa Basilica di San Pietro, capace di contenere fino a 20 mila persone, dove ammirare tesori inestimabili come il Baldacchino del Bernini e la Pietà di Michelangelo. La cupola, progettata da Michelangelo e realizzata da Giacomo Della Porta e Carlo Maderno, è davvero spettacolare.
Potete seguire poi via della Conciliazione per raggiungere un altro monumento simbolo della cristianità, Castel Sant’Angelo (1,6 km), fortezza papale edificata sui resti del mausoleo di Adriano. Una tappa sulla terrazza dell’Angelo vi regalerà una vista spettacolare sulla città eterna.

by Deborah Terrin

A spasso tra i vicoli di Trastevere

A spasso tra i vicoli di Trastevere

Si passa da parte a parte il ponte Garibaldi e si arriva sulla riva destra del Tevere, per perdersi tra vicoli colorati e atmosfere bohémien

CONTATTACI

My Suites Piazza di Spagna
Via di San Sebastianello , n° 8 – 00187 Roma
Telefono +39 06 45555310
Mobile +39 3665914085
P.I./ CF 05935291004
Credits & disclaimer

Prenota il tuo soggiorno

Normativa Privacy art. 13 D. L. 30 giugno 2003, n. 196 e del Reg. Europeo 679/2016

Pin It on Pinterest

Share This